LeftRight

il progetto

La storia di Torino nel Novecento è, in gran parte, la storia delle sue fabbriche: delle lotte operaie, nelle quali lo stabilimento di Mirafiori ha spesso giocato un ruolo di rilievo, dagli scioperi del marzo 1943 all’autunno caldo del 1969, dai 35 giorni del 1980 alla recente mobilitazione sull’introduzione di un nuovo contratto di lavoro. Della sua classe imprenditoriale, per anni vincente, dal tessile al metalmeccanico, da Gualino agli Agnelli, in cui Mirafiori è in qualche modo il simbolo di un’ambizione industriale di statura mondiale, ormai tramontata. Dell’immigrazione, infine, che in pochi anni ha cambiato il volto della città. La presenza nel quartiere del più grande stabilimento Fiat non ha condizionato soltanto i luoghi in cui si trova, ma l’intera città, la sua sfera industriale e, in molti casi, la storia italiana.

La città nella città è un progetto che ha il suo cuore nella raccolta di videointerviste a ex lavoratori, operai, impiegati e dirigenti, dello stabilimento Fiat, intrecciando due principali istanze: l’esigenza di raccogliere e conservare una memoria preziosa sia per il quartiere e sia per la città e la sua cultura democratica; la volontà di rendere disponibile alla consultazione un patrimonio storiografico vero e proprio, una sorta di autoritratto della fabbrica.

Il criterio con cui sono state raccolte queste interviste è principalmente temporale: chi è stato intervistato ha lavorato o ha avuto stretti rapporti con la fabbrica in un passato che si ferma, quasi per tutti, agli anni Ottanta. Nella scelta dei testimoni, non sono stati privilegiati ruoli, sigle sindacali o appartenenze politiche. Se mancano molte delle sterminate categorie di lavoratori che hanno popolato la Mirafiori nel corso degli anni è perché ci è stato impossibile trovarne dei rappresentanti, e questo sito serve anche a richiamarne l’attenzione, sperando nella disponibilità di chi non abbiamo saputo trovare. Agli intervistati è stato chiesto di percorrere due strade che si intrecciano: la storia soggettiva, autobiografica, e quella collettiva, la storia cioè degli eventi che hanno toccato la fabbrica e i loro riflessi politici e sociali. Si è parlato, così, dei dettagli del lavoro, della produzione, degli ambienti di lavoro, della composizione dei lavoratori, delle lotte sindacali, del rapporto con la politica, e di tanti altri temi connessi alla vita di un organismo produttivo così grande e articolato.

Questo sito vuole essere un primo passo verso una storia più approfondita della fabbrica di Mirafiori, ma anche un tentativo di storiografia industriale potenzialmente ampliabile a un contesto più grande. Un primo passo che avrà ulteriori esiti, il più importante dei quali sarà un documentario sulla storia dello stabilimento, realizzato con le testimonianze raccolte con questa campagna di video-interviste.