Archivi tag: Meccanica

Pino Farris – L’arrivo a Torino e l’assunzione in Fiat

Nell’ottobre del 1968 Farris arriva a Torino da un piccolo paese della Sardegna. Insieme ad altri ragazzi, suoi corregionali, viene introdotto nel mondo Fiat grazie ad un prete che stringeva relazioni con la direzione dell’azienda. Assunto come manutentore meccanico alle presse, presto viene in contatto con il mondo operaio e i primi movimenti di protesta.

Walter Massara – In officina

Il lavoro di progettazione consisteva non solo nel disegnare e progettare i “pezzi”, o gli utensili ma anche nel controllare che effettivamente tali strumenti funzionassero correttamente. Nel caso di intoppi o errori si rivelava necessario recarsi direttamente nelle officine per verificare il problema e porvi mano per la soluzione.

Cesare Cosi – I cortei interni

I cortei interni rappresentavano un momento molto importante durante la lotta operaia. Spesso capitava che reparti diversi si unissero per creare cortei più grandi, non solo per una questione di “voce più grossa”, ma anche perché la gente che vi partecipava aveva la possibilità di vedere anche altri reparti dello stabilimento, cosa che altrimenti le era preclusa.

Pino Farris – I cortei interni

I cortei, ancora prima di uscire dalla fabbrica, erano soprattutto interni. L’organizzazione avveniva di reparto in reparto: all’epoca era semplice spostarsi all’interno della fabbrica poiché ogni officina era collegata l’una con l’altra. Quando però l’Azienda chiuse le gallerie sotterranee e isolò i singoli reparti, i cortei interni rimanevano circoscritti a zone delimitate.